CONTATTA LO STUDIO
Pbx con ricerca automatica: 0692959901

Rischia 24 anni con i cronisti, ma la prova resta in cassaforte

Banca Nuova e 007. L’incredibile odissea del funzionario accusato di essere la fonte degli scoop di Bonazzi e Borzi sui conti dei Servizi

il Fatto Quotidiano - 23 febbraio 2020 - di Antonio Massari

In una cassaforte della Procura di Roma è custodito un file, denominato “file saggio”, che contiene l’elenco di chi lavora per i nostri Servizi segreti. Ed è coperto dal segreto di Stato. Non si tratta di una semplice lista di nominativi: l’elenco, il file saggio, è infatti una “prova” nel fascicolo che accusa due giornalisti – Francesco Bonazzi e Nicola Borzi –proprio di rivelazione del segreto di Stato. Oltre i due cronisti, tra gli accusati, c’è un funzionario di banca, Antonio Li Causi che, secondo la Procura di Roma, sarebbe…