CONTATTA LO STUDIO
Pbx con ricerca automatica: 0692959901

L’Accademia dei Curiosi organizza la conferenza dal titolo “L’Anima e la tecnologia” a Castellana Sicula

Tra i relatori relatori l’Avv. Gioacchino Genchi

Comunicato stampa - 3 aprile 2019 - di Redazione

L’Accademia dei Curiosi in collaborazione con l’istituto IPSEOA di Castellana Sicula, il Comune di Castellana Sicula, organizza la conferenza dal titolo “L’Anima e la tecnologia” l’8 aprile alle ore 10 presso il teatro tenda del Comune di Castellana Sicula. Il nostro tempo è caratterizzato da una forte componente tecnologica, siamo ormai schiavi della tecnologia che usiamo anche in modo errato. Dover crescere con tutte le insidie che i mezzi tecnologici conservano, non è facile se non si hanno gli strumenti adatti. Si proverà dunque, a comunicare quelle informazioni necessarie affinché…

Palazzo dei Normanni, sedici studenti siciliani ricevono il Premio Nazionale per la Legalità

Parteciperà alla cerimonia l'avvocato Gioacchino Genchi

Siciliaunonews - 2 aprile 2019 - di Ambra Drago

Il 5 aprile alle ore 9,30 nella Sala Mattarella del Palazzo Reale, si svolgerà la cerimonia di chiusura presieduta dal Governatore del Rotary Distretto 2110 Giombattista Sallemi che ha siglato a maggio un protocollo d'intesa con l’Assessore Roberto Lagalla che introdurrà l'incontro. Ci saranno i sedici giovani siciliani e vincitori nel Concorso nazionale patrocinato da tutti i Distretti italiani del Rotary International per la “Legalità e Cultura dell’Etica” e che ha visto una partecipazione complessiva a livello nazionale di 2000 concorrenti. Il tema scelto per l’anno è "Il rispetto della…

Segnata da uno stupro, muore ad un passo dalla laurea

Il ricordo di Genchi: «Ero consulente al processo ma non potei testimoniare, meritava più di 8 anni»

Giornale di Sicilia - 23 marzo 2019 - di Giusi Parisi

Si chiamava S. C. e aveva quasi trentuno anni, la studentessa che giovedì sera, intorno alle 19, ha scelto di togliersi la vita gettandosi dal settimo piano della sua abitazione di via Giovanbattista Ughetti, zona Villaggio Santa Rosalia. Inutile l’intervento del 118 che, arrivato sul posto, non ha potuto che constatarne il decesso. Un biglietto lasciato alla famiglia, la decisione d’un salto nel vuoto e una giovane vita si spezza schiantandosi al suolo. Apparentemente senza un motivo. Perché, in fondo, non c’è mai una ragione perché una vita debba finire.…

Nessuna truffa all’Inps. Assolto un ottantenne romano accusato di essere un “falso cieco”

Il Pubblico ministero aveva chiesto due anni di reclusione

Comunicato stampa - 7 gennaio 2019 - di Redazione

Dopo i clamori mediatici che avevano accompagnato l'origine delle indagini sulla c.d. operazione «falso invalido», è caduta l'accusa di truffa aggravata ai danni dell'Inps per il conseguimento di erogazioni pubbliche contestata a un signore romano di 86 anni (G.V.). Al termine del processo che si è svolto con il rito abbreviato al Tribunale di Roma, il Gup Gaspare Sturzo ha assolto G.V. con la formula «perché il fatto non sussiste», accogliendo la richiesta avanzata dall'Avv. Gioacchino Genchi. Il Pubblico ministero aveva chiesto due anni di reclusione. La Guardia di Finanza capitolina aveva…

Finito a processo per stupro. Assolto un ispettore forestale

Per l’uomo, di Castelbuono, la Procura aveva chiesto 15 anni - La presunta vittima rischia di finire dai giudici per calunnia

Giornale di Sicilia - 6 novembre 2018 - di Sandra Figliuolo

Lei, 55 anni, aveva raccontato una storia agghiacciante, ovvero di essere stata attirata con un pretesto in un magazzino di Castelbuono, dove sarebbe stata sequestrata, e poi - tra palpeggiamenti violenti e nonostante la sua resistenza –anche brutalmente stuprata da un suo vicino, che conosceva da tempo. Lui, Vincenzo Barbarotto, 56 anni, ispettore della Forestale, sposato e padre di due figli, per questa storia, che risalirebbe all’inizio di settembre del 2014, ha rischiato quindici anni di carcere, come richiesto dal sostituto procuratore Annadomenica Gallucci. Adesso, però, il gup di Termini…

L’avvocato Gioacchino Genchi denuncia: “Considero grave che il ministero dell’Interno non si sia costituito parte civile. Ritengo che i burocrati del Viminale, che il ministro Salvini non ha ancora cacciato, non lo abbiano informato”

Montante, al via l'udienza preliminare per 19 indagati ma l'ex leader di Confindustria non si presenta in aula

Repubbblica - 19 ottobre 2018 - di Salvo Palazzolo

La Regione e gli "spiati " dal manager chiedono di costituirsi parte civile davanti al gup. Ventuno le istanze. L’ex presidente del Senato Schifani sceglie il rito immediato Il principale protagonista del processo non c’è nell’aula dell’udienza preliminare, ma tutto parla di lui. Antonello Montante, il leader di Confindustria un tempo simbolo della legalità oggi finito in disgrazia, è il primo nome dell’appello chiamato dal giudice David Salvucci. Gli altri 18 imputati componevano il suo cerchio magico, sostiene la procura di Caltanissetta. Uomini delle forze dell’ordine e dei servizi di…

1 2